Le memorie Gorani - Pagina 11

8 gentil'uomini, venne sino alla carozza servito da 4 paggi con le torchie.

Rende S.E. la visita al Conte.

Il giorno seguente alli 5 S.E. andò a casa del co. Archinto a render al Conte la visita. Il Conte lo ricevette su la soglia della porta della casa, lo introdusse nel 4° basso e lo accompagnò sino alla carozza, vedendola partire.

S.E. tratta il Conte d'eccellenza.

Il sig. don Luigi trattò sempre il co. Montecucoli d'eccellenza per lo carattere di Luogotenente del sig. Imperatore, oltre quelli, che tiene di generale e d'ambasciatore.

Lo convita a pranso. Vedi più abasso meglio dichiarata la forma del sedere

Alli 7 S.E. convitò il Conte il Pallazzo a pransar seco; e v'andò con due suoi camerata. Li altri convitati furono sino a 12. La tavola fu longa nella prima stanza a man dritta del quarto d'abbasso passato il salone. In capo alla detta tavola non sedette alcuno. Dalla parte dritta, considerandola con risvoltarsi alla porta per dove s'entra nella stanza, sedette il Conte, e dall'altra cominciando la fila, il sig. don Luigi. Il pranso riuscì lauto e grandioso.

Venuta a Milano del secretario Perini di Mantova per nuovi sconci con Modena.

Alli 6 alla sera arivò in Milano sulle poste il secretario Carlo Perini, che lo è di camera della signora Arciduchessa Duchessa di Mantova, mandato con lettere credentiali a S.E. per raguagliarla de' nuovi emergenti nell'isola controversa in faccia a Bersello; che quando b siano un poco meglio purificati si registreranno qui d'abbasso. S.E. (poichè la stessa sera il Residente havea fatto dimandare udienza) mi mandò dal Residente medemo per informarmi della qualità del personaggio, e poi al doppo pranso lo senti, portandosi col Residente medemo a Pallazzo.