Le memorie Gorani - Pagina 106

ne' mari, che suppone suoi, benchè erroneamente, onde si può dire ch'andassero come a riconoscere, et a costeggiare la riviera.

Incontro grave della Reale di Spagna sotto la piazza di Savona

Adì 29 detto. È pur da notarsi l'incontro grave ch'hebbe la Reale di Spagna con la piazza di Savona mentre passava la squadra del mse. di Baiona generale di essa da Genova alla volta di Spagna. Il successo fu, che passando il marchese sodetto con la sua squadra di galere b et stando egli su la Reale, che servì alla signora Imperatrice, sotto, o per dir meglio di rimpetto alla fortezza di Savona, però lontano assai, prettendendo questa d'esser salutata dalla Reale, e vedendo che noi faceva fumò dando aviso, ed invece di salutare corrispose parimente la Reale medema con altro fumo. Il che visto da Savona si prese ardire di sparargli contro quatro pezzi di cannone con balla, che l'arivarono e colpirono, ma senz'offesa. Fu grande la temerità in questo fatto de' Genovesi se si considera per se stesso l'attentato, ma maggiore riflettendosi al modo con cui negotiarono su i trattamenti pretesi dalla Republica quando S.M. Cesarea andasse a sbarcare a Genova, all'haver sparso cne doppo gionta S.M. in Milano voleva la Republica stessa mandarla ad ossequiare da suoi ambasciatori e non haver mandato, ed al trovarsi nel tempo del seguito, in Genova il duca d'Alburcherche, che fu maggiordomo maggiore della signora Imperatrice per rispetto del quale dovevano pur astennersi i Genovesi da un atto sì manifesto di poca stima della Corona. Il sig. don Luigi governatore nostro hebbe a dire quando intese tal successo, che questo era non solo un provocare la Monarchia, ma un forzarla ad essergli nemica.

81 Dicembre

Risolutione del mse. di Caravaggio di maritarsi

Sul principio di questo mese seguì il matrimonio del mse di Caravaggio Francesco Maria Sforza, huomo già inoltrato bene nell'età vicina a 60 anni, con una figlia di Giovanni Francesco Imperiale gentil'huomo