Le memorie Gorani - Pagina 120

totale aggiustamento conchiusa dal co. di Vindisgratz tra le due Case di Mantova e Modona sopra le differenze sul Po. Non se ne mette qui la sostanza, perchè meglio potrà vedersi dalla copia del capitolato stesso, che si trova presso di me.

Arivo a Milano del co. di Vindisgratz

Alli 15 gionse a Milano da Modona lo stesso co. di Vindisgratz, quale b fu incontrato fuori delle porte dal co. Vittaliano Borromeo con carozza di Palazzo per ordine di S.E. Fu alloggiato per conto della Camera in casa di Melchion Andreotto banchiere, e doppo essersi fermato otto giorni in circa, partì alla volta di Alemagna accompagnato fuori delle porte con carrozze a sei di Palazzo dal medemo co. Vitaliano con molti altri cavalieri per lo spazio di poche miglia.

Il padre Mauri si leva da Mantova col pretesto del Capitolo generale

Sul fine di questo mese venne a Milano da Mantova il padre prior Mauri per portarsi al suo Capitolo generale all'Hospitaletto; e fu questo colore con cui si coperse la risoluzione d'haverlo richiamato da quella Corte di Mantova per lo sprezzo si faceva in essa di sua persona la quale come inviata da S.E. per (canc:le occorrenze d') haversi a communicare con quei Principi (canc.:per) l'occorrenze del serviggio di S.M., veniva a rifletter tutto in offesa dell'Ecc. Sua medema.

Caggioni che obligorono a levarlo da Mantova.

Le dimostrazioni di poca stima usate contro del detto padre dalla signora Arciduchessa duchessa di Mantova furono di non haverlo da molto tempo in qua voluto mai ammetterlo all'uddienza, a segno che quando fu per partire il che publicò per la sua partenza a titolo non di volersi licenziare dalla Corte, ma di portarsi al suo Capitolo 91 generale, havendo fatto instanza al mse. Palla Strozzi maestro di camera di S.A. di volerla riverire, hebbe in risposta, ch'era meglio se n'andasse così senza far fare l'ambasciata. Da che ben comprese il padre, che gl'ordini erano conforme l'intenzioni di non ammetterlo in