Le memorie Gorani - Pagina 125

Corona nostra e quella d'Inghilterra nella quale è fondata la miglior parte della nostra sperata sicurezza.

Manifesto della Francia.

Con lettere dell'ordinario di Lione ha ricevuto S.E. il sig. don Luigi Ponze dal sig. mse. della Fuente ambasciatore di S.M. in Parigi copia del manifesto della Francia hora publicato sopra questa mossa per il Brabante, e due altre copie simili, s'intende haverle detto marchese inviate al mse. di Vellada ambasciatore di S.M. in Roma.

Ritorna a Milano da Spagna il co. Trotto.

Alli 5 giugno arivò a Milano da Spagna il co. Galeazzo Trotto con ordine di servire il posto di Maestro di campo generale in questo Stato.

Arivo al Finale di don Vincenzo Gonzaga.

Alli sei detto, s'hebbe aviso come al Finale era sbarcato il sig. don b Vincenzo Gonzaga, qual veniva da Barcellona doppo haver finito il suo governo in quel principato, per ritirarsi a Guastalla sua casa lasciato in bianco senza carico quando si pensava d'essersi meritato li maggiori, e che la Monarchia dovesse far il caso che ben conveniva di ministro sì consumato. Vedi più d'abbasso il compimento del sig. don Luigi.

Mse. di Pianezza primo ministro di Savoia si ritira dal mondo

Lo stesso giorno s'intese la nuova del ritiramento dal mondo fatto dal mse. di Pianezza con la rinontia totale de' beni, de' gradi, e dell'Ordine dell'Anontiata. Voleva questo ministro, che fu sempre il privato del Duca ritirarsi fuori di Torino a vivere una vita religiosa e sequestrata affatto dal mondo conforme al voto che fece già tempo fa, ma havendo il Duca fatto consultare il caso da' teologi per lo desidero che havea di tenerselo appresso come tanto informato delle cose di Stato si conobbe che poteva star in Torino in habito clericale, però ritirato in qualche chiostro. E così egli, per ubbidire al gusto di S.A.Reale, si contentò. Essempio di disinganno a chi s'affolla in arivare a' gradi supremi, mentre si vede che chi vi è