Le memorie Gorani - Pagina 137

col consentimento della Republica che la causa si rimettesse alla cognitione del Senato di Milano, come seguì, havendo il Senato medemo doppo sentite le parti e perfetto il processo in cui fu actore il Rebuffo, sententiato sotto li 27 d'agosto dell'anno passato 1666 (canc.:che) a favore di Cittadino.

Forma del arresto.

Così finì all'hora l'incontro. Hora trovandosi S.E. in Pavia, inviò il medemo Cittadino a Genova per trattare di giontare da 200 mila scuti sopra l'effetto del sesino per Lira accresciuto in occasione de' presenti bisogni. Quando fu arivato colà il Rebuffo valendosi della licenza, che ottenne la volta passata fece di nuovo assicurare nell'Hosteria di S.Lazaro il Cittadino da quantità di sbirri et huomini armati sino al numero di 60, con tenere una feluca di sentinella sempre pronta a sbalzarsi in Genova ad ogni moto che osservava. Vedendosi donque Cittadino in tali angustie, nè havendogli suffragati i memoriali, che havea fatti sporgere a Cesare Gentile duce, mercè che mai si potero leggere in Senato per la mano ch'havea il Rebuffo co' Senatori di farli astennere di portarsi al Senato, e senza il 103 numero sufficiente non si poteva giontare, deliberò di scrivere al sig. co. presidente Arese il caso; e Sua Signoria Ill.ma, quando S.E. fu arivato da Pavia glielo participò, ancorche prima lo havesse inteso. Sentillo vivamente S.E., e doppo fatto longo riflesso al negotio venne in che io per sua parte (e ciò me lo fece ordinare dal sig. co. Arese la sera de' 25 detto alle tre hore di notte) mi portassi dal sig. Giovanni Battista Fiesco corrispondente della Republica di Genova a rappresentargli, come all'arivo di S.E. da Pavia havea inteso il sodetto incontro di Cittadino, e che quanto più si considerava stravagante e fuor di ragione, non havendonè il Rebuffo la minima per venire ad un atto sì violento, tanto maggiormente era S.E. nel caso di non crederlo, sendo certa che la Republica non ignora che nel Cittadino concorrono il carattere di Ministro di S.M. per esser Corrier Maggiore di questo Stato e la qualità d'esser stato