Le memorie Gorani - Pagina 190

il sig.mse. Governatore fu poi d'indi a due giorni a rendere al sig. b Cardinale la visita, e doppo seguitorono a frequentare l'arcivescovato tutti li ministri, che prima s'erano astenuti; ed il sig. G. Cancelliere prese l'occasione che S.Em. si trovava aggravata di dolori renali

S'imbalsama il cadavere di don Luigi.

Tutto il giorno 30 s'attese ad imbalsamar il cadavere del sig. don Luigi, ed a preparare il gran letto dove s'haveva da esporre.

Ceremonia di Palazzo dove fu esposto il cadavere del sig. don Luigi tutto un giorno

Il seguente 31 sabbato santo fu esposto alla mattina nell'anticamera del Palazzo sotto gran baldachino di broccato incarnata e sopra una delle più ricche lettiere di granatilio con trabacca di brocato colorato eccetto che le bendine il cadavere dentro ad una cassa foderata di veluto nero con galoni d'oro, fatta col suo coperto da serrare con due chiavi a guisa di baullo. Era vestito di campagna con capello in testa, spada al fianco, e bastone da generalissimo nelle mani, e sotto havea il manto dell'Ordine d'Alcantara. Questa lettiera era posta sopra palco d'altezza di due brazza e stava sotto al baldachino. Di qua e di là ci piantarono due altari per celebrarvi Messe ma non si potè per esser giorno di Sabbato Santo. Tutte le religioni andorono con la croce mutandosi a star nella stanza a cantare a voce sommessa delle preci e fargli altri suffragij; e si diede libertà al popolo d'andar a vedere la ceremonia.

Si porta alla Scala detto cadavere. Cattafalco nella Scala

La sera dello stesso giorno fu messa la cassa serrata con le chiavi dal Secretario di Guerra in una carozza di Palazzo, nella quale entrorono 138 alcuni cavallieri de' più principali, e si condusse senza lumi alla chiesa della Scala (con precedente licenza del sig. card. arcivescovo Litta). Ivi stava apparechiato un alto cattafalco di sette gradini guerniti tutti di candelieri d'argento con