Le memorie Gorani - Pagina 210

Nello stesso tempo arivò a Mandello, luogo del sig. Airoldi, la cognata d'esso Contestabile moglie del duca Mazzarino ch'è figlio del maresciale della Migliare da cui se ne scappò e se ne venne in Italia per disgusti passati tra essi.

***

Il giorno 23 il sig. mse. Governatore andò ad incontrarla mentre se ne veniva da Mandello con li detti Contestabile, sua moglie e msa. Palleotti.

Alloggiarono tutti questi forastieri nella casa del co. Durino ch'havea lasciata la vedova del sig. don Luigi Ponze, qual fece mobigliare di tutto ponto S.E. de fini arredi della propria guardarobba. Sendo già alcuni mesi che tra le communità di Lenta, Stato di Piemonte, e Calpignano, Stato di Milano ma di là, e l'altra di qua dalla Sesia, verte una differenza sopra l'essersi, con una chiusa voluto riparare quei di Calpignano dalle piene del fiume sodetto ch'havevano fatto inclinare a questa parte con altra chiusa o sia ficia, com'essi chiamano, furono dati ordini da S.E. per Secretaria di guerra a don Ferdinando Valdes governatore di Novara che sempre che .....dissero b quelli di Calpignano a dimandare braccio de soldati per distuere la chiusa di Lenta e sostennere la loro, glielo dovesse prestare. Così essequì. Et andate alcune bocche da fuoco imprudentemente con tamburro battente (per quanto scrisse Savantes governatore di Vercelli) ruppero la ficea di Lenta. Di che avertiti, que' terrazzani accorsero subito a dimandare aggiutto a Vercelli e con tutta celerità vennero a disfare quella di Calpignano. Il Residente, con tutto questo, fu da S.E. a dar doglianze doppo del fatto, per la rottura del loro riparo seguita, come disse, sotto la parola del governatore di Novara di non far novità. Nè sin hora si è presa risolutione in quanto al rispondere al Residente medemo.

***

Alli 25, giorno di S.Giacomo, verso un'hora di notte arivò a Milano, venendo da Venezia, il mse. Giron Francesco Villa ch'ha servito sin hora di Generale quella Republica nell'assedio di Candia.

S.E. il sig. mse. de los Balbases mandò il cavallier Cavanago sino a