Le memorie Gorani - Pagina 23

Quivi fu alloggiata in casa di particolari tutta la corte di S.E. e quanti vennero servendolo, e li padroni delle case providdero ogn'uno de' letti bisognevoli. Quelli che tennero qua le carozze e li cavalli b hebbero a proportione il fieno più buon mercato che nelli altri luoghi delle Langhe, perchè lo pagorono (canc.:20) soldi 10 di moneta di Genova in ragione d'ogni rubbo qual è 25 lire picciole e 20 ½ grosse

Come passò la provigione de foraggi. Come s'aquartierassero li ambasciatori delle Città.

Li ambasciatori delle Città quelli che vollero la bolletta dell'alloggio 1'hebbero, e questi quasi tutti stettero nel borgo eccetto li lodigiani ed altri che prevennero luogo ne' Cappuccini, nel che non vi fu regola perchè ogn'uno cercò la comodità ove le piaque.

Co. Montecucoli alloggia in borgo e visita S.E.

Il co. Raymondo Montecucoli luogotenente del Imperatore, qual era venuto a questa spiaggia per dar la ben venuta alla signora Imperatrice et assicurarsi dello stato suo era alloggiato nel borgo. Visitò S.E. il sig. don Luigi che lo accompagnò sino alla scala, e S.E.lo rivisitò.

Va S.E. al borgo a pransare col Governatore

Andò S.E. una mattina a desinare al borgo in casa del Governatore, destinata per l'alloggio della signora Imperatrice e li regali furono grandissimi

Casa del Governatore preparata per la signora Imperatrice.

Questa casa del Governatore era addobbata superbamente a tutto quel segno che si poteva desiderare, e li mobili erano quasi tutti del Governatore, meno alcuni soministrati dal co. di Vaylate suo parente, che hora resiede per S.M. in Genova come cavalliero inviato.

La Marina fa ergere un arco stabile. Ponte di legno dipinto di verde per commodità dello sbarco alla Capitana Reale

Il luogo della Marina a spese sue fece alla spiaggia del mare in 18 luogo sito dove la signora Imperatrice haveva da sbarcare fece ergere