Le memorie Gorani - Pagina 232

Il primo Potentato d'Italia a mandar a compire con S.E. fu il duca di Savoia, e ciò non seguì che con grande attentione per medicare il mancamento fatto in tempo del sig. mse. Spinola a cui non mandò se bene neli ultimi giorni del suo Interim dicesse il Residente che S.A.Reale voleva mandare. L'inviato fu il co. Ferreri gentil'huomo della sua camera. Compì in forma solita. Fu servito b all'udienza e tanto che si trattenne in Milano, da una carozza di Palazzo di 4 cavalli e tenuto a pranso da S.E. il giorno del suo compleaños che fu alli 16 del corrente, distintione che sola si usa alli inviati di questo principe.

***

Si nota donque che il giorno del compleaños di S.E. è alli 16. Festeggiossi comparendo nell'anticamera tutti i ministri e nobiltà di spada e cappa con cattena d'oro, et alla sera nel cortile di Palazzo si fecero fuochi bellissimi artificiati consistenti in razzi volanti et in un arbore pieno d'essi che scherzarono ben più d'un hora. La signora msa. Governatrice stette sul balcone de' cristalli con le dame a vedere, senza preventione di tarime nè d'altra cosa di quelle che si stilavano in tempo del sig. don Luigi

Per Guastalla, che fu il secondo principe a mandare, compì Matteo Quintiani maggiordomo del duca che sedette e coprì ancor lui come li altri in risguardo che S.E. per necessità lo ricevette sentato, ed ottenne di più che all'entrare se le aperse la bussola dell'anticamera.

Nel principio del suo governo si dichiarò S.E. che voleva che tutti li memoriali le fussero personalmente presentati e che le consulte de' Tribunali le fussero portate serrate da secretarij.

Destinò la sera per lo spaccio col Secretario di Guerra, e quello fece che io assistessi per quanto potevano offerirsi cose spettanti 171 alla Cancellaria Secreta, il che fu il maggior segno di confidenza che S.E. mi potesse dare, mentre agl'altri miei collega non fece la medesima mercede.

Fra le rifforme d'alcuni abusi ordinò, venuta l'occasione d'un memoriale