Le memorie Gorani - Pagina 26

Nominò donque S.E. in essecutione di questa lettera reale il dottor b mse. Brivio per questa fontione qual consistete nell'espressione alla Republica di due ponti. L'uno di darle parte del passaggio che S.M. Cesarea farà per Italia, e per lo Stato Veneto facendo la strada di Brescia doppo che si sarà alquanto riposata in Milano; l'altro di supplicar la Republica a fare, in questa occasione le medeme dimostrationi di stima e d'affetto, che fece nel passaggio della Regina nostra signora

L'instruttione gliela formarono il co. Presidente Arese e sig. mse. Stampa, nè s'estese a più che alli sodetti due ponti.

In che qualità andasse il mse. Brivio

Il Marchese se bene portò lettera della Regina non andò però se non in qualità d'inviato dal Governatore di Milano, perchè S.M. non ha nominato la persona, nè ha detto che la rappresentatione la farà in suo real nome; e così scrisse anticipatamente il secretario dell'ambasciata don Pedro Suarez che risiede in Venezia, che la Republica non le havrebbe al Marchese fatto più trattamento, che d'inviato del Governatore di Milano; il che quando rifersi io a S.E. mostrò di darsi per sodisfatta.

20 Habito del mse. Brivio. Assistenza in denari che se le diede.

Andò il mse. Brivio con lutto corto secondo che le fu prescritto nell'instruttione, e ciò atteso non esser ancor finito l'anno dalla morte re Filippo 4° nostro signore.

Hebbe d'aggiutto di costo solo 500 scudi. Andò per il Po. Condusse camerata ed essequì la commissione della maniera che si vede dalla sua relatione.

Ritorno a Milano del mse. Litta da Torino.

Poco prima che partisse per Venezia il mse. Brivio, arivò

di ritorno da Torino a Milano il mse. Litta, havendo compito, come si mottivò di sopra a carte 10 con S.Altezza Reale per la nascita del suo primo figlio maschio. A pena gionto a Milano si portò il marchese