Le memorie Gorani - Pagina 277

fu Carlo Valerio. Lo spedì donque con lettera al duca quale trovò già gionto in Alessandria e per quanta introduzione procurasse con S.E., non gli riuscì mai di poter entrare a dispachiare; e la stessa fortuna hebbe in Pavia dove pure S.E. si fermò molti giorni di maniera che sempre assistette inutilmente e senza esser mai adoperato.

Il mse. Spinola, prima di partir dal governo, diede ordine alle compagnie delle guardie di portarsi a Cassin di Strada per servire il duca

Entrò il sig. duca in Alessandria alli 22 d'aprile e, partendo dal Finale, non scrisse al G.Cancelliere nè a verun altro dando conto della sua partenza.

Doppo ritirato a Cusano, il mse. Spinola si portò di là un giorno a Milano per visitare la moglie del G.Cancelliere.

***

Il giorno della Novena di quest'anno, in cui sogliono li signori governatori andare alla Madonna di S.Celso col Consiglio Segreto serviti dal Capitolo della Scala della Messa solenne, perchè non vi si 8 trovava in Milano il sig. mse. Spinola che già si era ritirato a Cusano, ed il sig. duco d'Ossuna non era ancor gionto, ad esempio di ciò che fu osservato in tempo del sig. don Luigi Ponze un anno che S.E. per impedimento non vi potè intervenire, si risolvette dal G.Cancelliere che v'andasse a far la fontione il Consiglio Secreto, e perchè questo non fa corpo senza il governatore quando egli è nello Stato, si fece mettere la cortina del governatore medemo al luogo solito serrata dalle bandinelle onde paresse che vi si trovasse, e con questa fintione si celebrò la Messa col discorso all'evangelio intervenendovi il Consiglio.

***

Una delle speditioni che fece il sig. mse. Spinola trattennendosi in Milano doppo l'arivo al Finale del duca d'Ossuna, fu il dare un passaporto al mse. Villa di Torino di far condurre per la via del Po dal Ferrarese al Piemonte 4 mila some di formento, qual fu spacchiato per Cancelleria Secreta.

Il G.Cancelliere Zapata non ostante che non havesse dal duca nuovo governatore ordine per continuare nello spacchio, e che il mse. Spinola