Le memorie Gorani - Pagina 284

vacata per la promocione al Senato del mse. Giovanni Carlo Visconti.

In Pavia si ventilò il punto se doveva chiamarsi per il giorno dell'entrata di S.E. solenne in Milano il Senato o vere il Consiglio Secreto; dopo gran flutuatione d'animo, quello che fece risolvere l'Ecc. Sua a chiamar il Senato e non il Consiglio fu l'essersi offerto il Senato medesimo di sortire dalla Porta Ticinese sino al Casino del Borgo della Trinità a riceverla e servirla, alterando in questa parte lo stile ordinario qual'è di che aspetti sempre nella piazza di sant'Eustorgio ad incorporarsi nella cavalcata subito che il Governatore è passato. Aggiutò la prattica a favore del Senato il G.Cancelliere don Diego Zapata quando conobbe che S.E. havrebbe stimato molto che il Tribunale havesse usato seco questa distintione mai più pratticata con gli altri, e fece che io scrivessi con diligenza al presidente del Senato perchè spiasse i sensi del Tribunale se si fosse disposto o no ad usare questa maggior cortesia ed atto d'ossequio verso di S.E.; et da questa preventione nacque il tutto poiche l'offerta del Senato cadete a tempo, onde S.E. prese poi la risolutione che si è detto.

***

b Alli 11 di maggio partì da Pavia il sig. G.Cancelliere don Diego Zapata alla volta di Genova nè vuole che alcuno lo andasse servendo.

***

Alli 15 del detto mese di Maggio, giorno dell'Assensione di Nostro Signore, fece la sua entrata solenne in Milano il sig. duca d'Ossuna che fu la più ricca e sontuosa di quante se ne siano mai vedute. Intervenne il Senato, come si è detto, et la relatione di essa non si registra quivi per esser assai residua quella che è sortita in stampa tanto in italiano come in lingua spagnola.

Il convitto delle dame che si trovorno al piede della scala principale al recivimento della signora duchessa d'Ossuna lo fece la principessa Trivulcia.

La stessa sera del giorno dell'entrata mandorno li Residenti di Venetia, Mantova, come pure il co. Rossi agente di Parma, et l'abbate di san Simpliciano don Cesareo Vernici che parla per le occorrenze