Le memorie Gorani - Pagina 294

in cui cadète questo principe di che il sig. duca d'Ossuna covasse sotto queste nuove pretensioni di trattamenti migliori qualche torbido pensiero e fusse quel stravagante signore che la fama ingiustamente l'haveva dipinto.

***

Alli 27 di giugno, S.E. partì per Pavia a vedere li 3 terzi di Infanteria spagnola in occorrenza che loro si doveva dar la mostra e prese nella sua carozza il Maestro di Campo Generale co. Trotto, don Inigo de Velandia generale della Cavalleria alla parte d'avanti ed alle portiere il co. Ercole e co. Fabio Visconti, co. di Montalbano e co. Vittaliano Borromeo.

***

Il giorno appresso finì la detta mostra ed alli 29 si portò avanti a visitare la piazza di Tortona ove alloggiò in casa del Maestro di Campo Bussetti. Al ritorno si fermò S.E. un giorno e mezzo alla Certosa di Pavia, ed alli 3 del mese di luglio alla sera se ne ritornò a Milano havendo così questo viaggio toccato alcuni giorni del mese di giugno ed alcuni altri del corrente di luglio, che secondo lo stile ampliato dalla pace in qua darà campo a S.E. di poter riscuodere il soldo di campagna per l'importanza di 2 mesi intieri.

Havendo io con una mia lettera del mese peratto confidato al sig. don Vincenzo Gonzaga che da S.E. non era ben inteso che si fosse venuto per parte del sig. duca di Guastalla in mandar persona a tener congresso con li ministri di Mantova sopra l'affare del matrimonio della signora principessa Anna Isabella sua figlia senza haverne prima fatta qua parola, mentre stava questo governo in fede che il medemo signor duca di Guastalla non fosse per mover pietra con questo medemo negozio senza prenderne il primo moto da S.M. come quella che si è dichiarata con una lettera sua reale scritta al detto sig. duca (quale io le inviai d'ordine del sig. don Luigi Ponce b in cui la Maestà Sua si dichiarava che il detto matrimonio correva per suo conto, mi rispose esso sig. don Vincenzo con sua de 2 del corrente giustificando l'operato dal duca suo nipote e le raggione ch'egli addusse si puonno vedere originalmente dalla stessa