Le memorie Gorani - Pagina 314

suppone venga dal non esser mai voluta la marchesa sodetta andare a Palazzo agl'inviti che gli sono stati fatti et che la se ne ha astennuta mostrando di dubitare che le fosse insidiata l'honestà, come la è oggi dì la più bella dama di Milano. Si volle per tanto con tal risolutione far credere al mondo che tanto era S.E. lontana da questo galanteo che, uscendo di Milano, non l'havrebbe più veduta

***

Alli 21, giorno di mercordì, si fece la seconda festa di questo carnovale in Palazzo alla quale intervennero 69 dame. Ogn'uno stimò che S.E. fosse per aventurare molto il rispetto suo e che molto poco dovessero venire; ma il fine dell'Ecc. Sua fu politico e proffondo poichè con questa festa fatta prima della speditione del corriere di Spagna, ch'andò due giorni doppo, pensò di smentire in Madrid tutte le voci di quelli che potessero scrivere che la risolutione presa contro la co.sa Ippolita e sua figlia ed anche contro la msa. Busca haveva da alborotare tutta la città ed obligare tutte dame e cavalieri del parentado loro ad astennersi; et perchè ciò si riconoscesse non era vero, procurò S.E. per mezzo del co. Vitaliano Boromeo et anche per lo mio, di che il sig. co. presidente Arese inducesse la co.sa donna Giulia Borromea, moglie del co. Renato, a che venisse alla festa; il che conseguì, e con altre negotiationi arivò pure ad accrescere il numero delle dame dell'altra festa poichè in quella non si contorono più di 55 dame et in questa furono, come si è detto, 69. Doveva venirvi la co.sa Elena Borromea moglie del co. Antonio et la co.sa Trotta, ma doppo si scusarono; et solo delle Borromee parenti della co.sa Ippolita vi vennero la sodetta co.sa donna Giulia et la co.sa moglie del co. Paolo Borromeo. In questa festa non vi fu la singolarità che tanto fu riparata nell'altra, d'haver ballato il primo ballo sola la co.sa di Mont'albano col mse. di Borgomainé cavalier del Tosone

Si osservò di più che al bassare che fecero le dame il scalone dalla parte del quarto di S.E., v'erano sei paggi dell'Ecc. Sua con torchie